appuntiamanolibera

but I, in love, was dense and mute

Sono andata a Roma con mio marito per vedere i dipinti di Antonello da Messina. La prima volta che si andava a Roma insieme e la prima volta a scopo puramente ricreativo.
Naturalmente si sono viste molte altre cose: romani eccellenti, passanti gentili-no, di più, premurosi, fitta umanità in piazza San Pietro.
Fatto due chiacchiere con pellegrini californiani che parlavano più volentieri un fritto misto di spagnolo e italiano che l’inglese e che hanno apprezzato il nome “accendino” e l’omaggio che mio marito ha fatto loro dell’oggetto così designato.
Una gentile giovane signora si lamentava con me: Bush is crazy, he’s not american. So many dead muchachos. E aggiungeva: qui bello, gente a piedi in strada (mimando i passi con le dita della mano destra sul palmo della mano sinistra). Los Angeles, only cars.
Intanto i piccioni bersagliavano dall’alto i fumatori all’ombra del colonnato.
Il bello di Roma è Roma.

Annunci

maggio 11, 2006 - Posted by | Uncategorized

15 commenti »

  1. boh, qui non funzionano più gli a capo

    Commento di utente anonimo | maggio 11, 2006 | Rispondi

  2. beh, non potrei essere più d’ accordo!
    suggerirei, quando hai tempo, la lettura del libro di Augias “i segreti di Roma”, di piacevolissima lettura.

    Commento di gattarandagia | maggio 11, 2006 | Rispondi

  3. E’una città dal fascino straordinario, sempre e comunque.
    E nonostante i piccioni bombardieri…

    Commento di Masso57 | maggio 11, 2006 | Rispondi

  4. “Bush is crazy, is not American”…
    Lego un capo di questa frase al “Good night and good luck” che esaurisce il bellissimo film del bel George.
    E non posso resistere dal pensare che questa presa di distanza dal Presidente Jr. avviene a miglia e miglia di distanza dalla California. Non casualmente.
    Può esser vero che gli yankees debbano venir in Europa, per uscir fuori dal loro provincialismo? Allora se lo meritano, morendo, di tornare in America anche se son stati impeccabili.
    No, a dire il vero non è la prima volta che lo sento raccontare. Ma il guaio è lo stesso nostro, che nessuno o quasi da’ voce ai dissenzienti. Non disturbare il manovratore, abbia o meno i tacchi rialzati, o gli occhi vispi fin troppo vicini.

    (Sei venuta a Roma e non l’hai detto??? ;-/)

    Commento di Ziby | maggio 11, 2006 | Rispondi

  5. yban, mi unisco alla protesta di ziby, sei venuta a Roma zitta zitta,
    lo sai che i blogger storici chiedono il permesso a noi romani prima di visitare la città eterna? non lo fare mai più.
    rosrom

    Commento di utente anonimo | maggio 11, 2006 | Rispondi

  6. ehm … io lo sapevo, ma poiché il tempo di Yb era davvero poco, me la son tenuta tutta per me …
    mi cospargo …

    quando l’ arbusto decise d’ invadere l’ Iraq, una delle mie amiche americane gattare andava in giro dicendo che era canadese …

    Commento di gattarandagia | maggio 11, 2006 | Rispondi

  7. il permesso l’avevo ottenuto, non vorrete farmi credere che era un permesso di minoranza-davvero avrei voluto vedervi, ma solo venerdì ho saputo che si poteva venire (e già lunedì s’era ventilata la possibilità che dovessi tornarmene sola) e siamo stati a Roma esattamente ventisette ore e cinque minuti, da treno a treno. Fossi la regina Elisabetta v’avrei convocati, ma così …

    Commento di yetbutaname | maggio 11, 2006 | Rispondi

  8. Gattarandagia? Allora come non detto.
    Ubi miaowr, minor cessat.

    Commento di Ziby | maggio 11, 2006 | Rispondi

  9. A Roma ci sono stato tante volte (ma quando ancora i blogger storici erano preistorici). In Estate era bella, ma ho sempre immeginato che questo sia il periodo piu’ bello in cui visitarla.

    Che dire degli Americani? mettete dei piccioni nei vostri bombardoni.

    Commento di Falloppio | maggio 11, 2006 | Rispondi

  10. Un ritratto folkloristico, decisamente… ma la prossima volta ti prego di farmelo sapere anticipatamente e vi ci porto io a gustare il bello di Roma! Promesso?

    Buon weekend, carissima!

    Commento di mamminacara | maggio 12, 2006 | Rispondi

  11. mi fanno morire gli americani che prendono le distanze, non ne ho mai conosciuto uno che dica di votare bush. ops, mi sa che più o meno capita lo stesso a noi italiani, fuori.

    Commento di radiobeba | maggio 12, 2006 | Rispondi

  12. Ro’, dico, ce l’hai con me?

    Dai dillo che stavi pensando a me: sei solo chiacchiere e distintivo ecco quello che sei.
    chiacchiere e distintivo.

    Commento di Falloppio | maggio 12, 2006 | Rispondi

  13. .

    Commento di whiskey | maggio 12, 2006 | Rispondi

  14. Ho la fortuna di vivere a Roma… ai piccioni aggiungo il traffico, il problema dei parcheggi, le deviazioni per le manifestazioni…
    Ma messi tutti insieme questi problemi, non reggono di fronte alla meraviglia della città…

    Commento di concita | maggio 13, 2006 | Rispondi

  15. bellissima mostra 🙂

    Commento di Yzma | giugno 9, 2006 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: